Salsa Aioli

tipica salsa provenzale all’aglio, molto simile alla maionese; viene preparata tritando o pestando in un mortaio degli spicchi d’aglio e aggiungendo dei tuorli d’uovo, succo di limone, sale, pepe bianco e olio a filo, proprio come per la tradizionale preparazione della maionese.

L’aioli viene generalmente usata per accompagnare pesce, verdure lessate , carne alla griglia e uova sode.

  • Aglio 4 grandi spicchi
  • Olio di semi di arachide 300 ml
  • Sale q.b.
  • Limoni 1 cucchiaio di succo filtrato
  • Pepe bianco macinato, a piacere
  • Uova 3 tuorli (di cui 1 sodo)

Fate rassodare un uovo e poi prelevatene il tuorlo.
Mettete in un mortaio gli spicchi d’aglio sminuzzati e privati del germe interno e pestateli insieme al sale.

Ponete il tutto in un frullatore, aggiungendo i tuorli d’uovo freschi: frullate e aggiungete l’olio a filo fino a quando si formerà una crema densa. A questo punto fermate il frullatore e aggiungete 1 cucchiaio di succo di limone e il tuorlo sodo sbriciolato; riprendete a frullare per qualche secondo, poi salate, pepate ed eventualmente aggiustate di sale (o aggiungete se vi piace, altro succo di limone).

Ecco che la vostra salsa aioli è pronta: ponetela in una ciotola o barattolo di vetro e conservatela coperta in frigorifero fino al momento di assaporarla per un massimo di sette giorni.Perché la salsa aioli sia perfetta, dovrete impiegare uova e olio a temperatura ambiente; se la salsa impazzirà, dovrete toglierla dal recipiente (o frullatore) e rimpiazzarla con un nuovo tuorlo, con il quale dovrete riprendere la preparazione, usando poco olio. Dopo, potrete unire alla nuova salsa la precedente ( a piccole dosi).

Se volete rendere più densa questa salsa potete frullare insieme agli altri ingredienti una piccola patata lessa, oppure della mollica sbriciolata di pane raffermo. Per rendere invece l’aioli più liquida potete aggiungere poca acqua calda.

Una variante dell’aioli, vede la preparazione della salsa senza tuorli d’uovo; in questo caso potrete aggiungere come sostituto una patata lessa.In Provenza, l’aioli è considerata come un simbolo non solo gastronomico ma anche culturale rappresentativo della propria terra; è stata anche decantata dal poeta francese Frèdèric Mistral, tanto che nel 1891, egli fondò un giornale al quale diede il nome di Aioli.