Tagliata di pollo cotto su pietra lavica

La pietra lavica vesuviana  e’ricavata da antiche colate laviche, risulta assolutamente pura come il vetro di categoria A, con assoluta assenza di piombo. La piastra non emette sostanze nocive.I cibi cuociono senza l’uso di condimenti. I grassi disciolti durante la cottura vengono posti fuori dal contatto dell’alimento, evitando così la formazione del benzopirene.Non si formano sostanze estranee nell’alimento per cui non ne altera i sapori. Non produce fumi anche cuocendo alimenti particolarmente grassi.La cottura avviene per assorbimento di calore uniforme, pertanto conserva il valore nutritivo e vitaminico dei cibi.Non richiede l’uso di grassi durante la cottura ed è considerata una cottura dietetica.Troverete tutte le info sulla pietra lavica vesuviana  in questo
Ingredienti: 
  • 3 sovracose di pollo
  • rucola selvatica
  • 1 pomodorino
  • peperoncino dolce
  • sale

Procedimento:

Per rendere la cottura più uniforme ho disossato le sovracosce.Ho fatto riscaldare bene e a fuoco dolce la pietra , l’ho pulita con un panno imbevuto di aceto e ho messo il pollo sopra.In questo link troverete come costruire una barbecue con pietra lavica. Bisogna fare molto attenzione per questo tipo di cottura, si rischia di bruciare tutto perchè la pietra lavica vesuviana  raggiunge temperature elevatissime.Una volta messe le sovracosce sulla pietra lavica vesuviana, ho abbassato a minimo il gas e ho fatto cuocere lentamente per 25-30 girandole a metà cottura e salandole.

La sovracoscia è stata tagliata e adagiata su un letto di rucola selvatica con del peperoncino dolce, il tutto senza olio extra vergine di oliva.La cottura su pietra lavica vesuviana ha il pregio di far rimanere gli alimenti sempre morbidi, conservandone  i sapori e i profumi.